Su Brasilia

 

BRASILIA - SOTTO IL SEGNO DELLA CROCE

     "Due assi che si intersecano ad angolo retto, cioè, il segno stesso della croce"
(LúcioCosta)

 

Cruz ermida de Dom Bosco.

Tracce indelebili di spiritualità segnano la geografia e la storia della capitale del Brasile.
Ai primi di febbraio del 1955, il maresciallo José Pessoa Cavalcanti de Albuquerque, presidente della Commissione per la Localizzazione della Nuova Capitale, accompagnato dal maresciallo Travassos Mario e del medico Ernesto Silva, visitò l'Altopiano Centrale. Nell'aprile dello stesso anno, chiese al governatore di Goiás, José (Juca) Ludovico tre provvedimenti urgenti, ed uno di questi era quello di erigere una croce sul punto più alto della regione.

Grazie agli sforzi del laborioso ingegnere Bernardo Sayão, vice governatore di Goiás, una bella croce fu piantata in quel posto. Si pensò anche ad una Messa che sarebbe stata celebrata accanto alla croce, dal cardinale Jaime de Barros Camara, arcivescovo di Rio de Janeiro, il 9 luglio di quello stesso anno 1955, alla presenza del Presidente Café Filho. Su richiesta dello stesso dinamico Bernardo Sayão, il mese di febbraio del 1956 il padre salesiano Cleto Caliman celebrò una Messa vicino alla Croce.

Il 15 giugno 1956, alle 9:30, Bernardo Sayão scese da un piccolo aereo, su una rudimentale pista d'atterraggio. Lavorando a ritmo accelerato, riuscì a trasformarla in un campo d'aviazione. Ordinò quindi di scrivere al margine del campo, sul proprio terreno con calce, il nome di Vera Cruz con lettere giganti di circa cinque metri ciascuna.
Il 2 ottobre 1956, nel suo primo viaggio a Brasilia, l'aereo che trasportava il presidente Juscelino Kubitschek, atterrò sulla pista dove successivamente sarebbe sorta la Stazione Rodoferroviaria (stazione ferroviaria e degli autobus). Il presidente, il suo seguito e le autorità locali - tra cui il governatore di Goiás, José Ludovico e Bernardo Sayão, come direttore esecutivo della nuova capitale – si diressero subito verso la grande croce di legno, il punto più alto della regione. Una croce di singolare bellezza, sulla Cappella di Don Bosco, progettata da Oscar Niemeyer, su richiesta di Israel Pinheiro. In forma di piramide triangolare, la prima costruzione in cemento realizzata a Brasilia fu inaugurata il 31 dicembre 1956. Numerose persone la visitano, e tra queste, ogni anno la domenica più vicina al 30 agosto, molti devoti in processione terrestre o nautica. In questa data, nel 1883, il santo visionario ebbe il famoso sogno in cui prevedeva la nascita di una terra promessa tra i paralleli 15 e 20.
Il grande urbanista Lucio Costa, vincitore il 26 marzo 1957 del Concorso per lo sviluppo del Piano Pilota, spiegò l'ispirazione che ebbe per il suo progetto in questo modo: "Questa soluzione è nata dal gesto primario di chi segna un territorio o ne prende possesso: due assi che si incrociano ad angolo retto, ossia "il segno stesso della Croce."

Accanto alla Croce, nel luogo oggi situato tra il Memorial JK e la Cattedrale Militare, a 1.173m di altitudine, il cardinale Carlos Carmelo Motta, celebrò la prima Messa ufficialmente programmata, il 3 maggio 1957, il giorno della festa della Santa Croce, secondo il calendario liturgico di quel tempo.
Il celebrante segnalò tre pietre miliari della vita nazionale: la scoperta del Brasile nel 1500, l'indipendenza nel 1822 e la fondazione della nuova capitale. Il presidente Kubitschek sottolineò: "Con la prima messa, si pianta a Brasilia un seme spirituale".
Il 2 febbraio 1960, arrivò a Brasilia la carovana di integrazione nazionale, formata da quattro colonne, provenienti da Belém (Nord), Porto Alegre (Sud), Rio de Janeiro (Est) e Cuiabá (Ovest). Per coincidenza, formavano una croce. Nella sua preghiera di Natale a Brasilia, Guilherme de Almeida, principe dei poeti brasiliani, scrisse: "Ora e qui è il Crocevia dello Spazio -Tempo, il cammino che viene dal passato e va verso il futuro. Cammino del Nord e del Sud, dell'Est e dell'Ovest. Le vie di tutto il mondo che ora e qui si incrociano nel segno della Santa Croce ".
La stessa storica Croce della flotta di Cabral, davanti alla quale Fra' Enrico di Coimbra celebrò nel 1500, a Bahia, la prima Messa in Brasile, è stata posta sull'altare allestito nella piazza dei Tre Poteri, il 21 aprile 1960 per l'Eucaristia celebrata dal Cardinale Manuel Cerejeira, il giorno dell'inaugurazione di Brasilia. In questo stesso giorno giorno, rivolgendosi ai lavoratori, il presidente Kubitschek dichiarò: "La volontà di Dio ha costruito questa città. Con il pensiero rivolto alla Croce dove è stato celebrato il Santo Sacrificio, chiedo al Creatore che renda più coesa l'unità nazionale, che ci dia sempre questo clima di pace, indispensabile per il proficuo lavoro, e conservi in voi, costruttori di Brasilia, lo stesso spirito forte con il quale avete costruito questa grande città ".

È importante ricordare che la mattina del 21 aprile 1975, il governatore del Distretto Federale, ingegner Elmo Serejo Farias, ha donato la Croce accanto alla quale era stata celebrata nel 1957 la Prima Messa ufficialmente programmata, al Club dei Pioneri di Brasilia, rappresentato dal suo presidente Newton Egydio Rossi, perché la custodisse e conservasse. La cerimonia si svolse nello stesso luogo dello storico evento, e ne fu testimone, tra gli altri, l'arcivescovo di Brasilia, Dom José de Almeida Newton Batista. Questa Croce si trova nella Cattedrale di Brasilia.
Durante i primi giorni della costruzione di Brasilia, numerosi missionari di diverse confessioni religiose, vi hanno lavorato con zelo. Tra questi, sicuramente, occupa un posto di primo piano, il padre salesiano Roque Valiati Battista. Nato il 15 agosto 1918, a Inhauma, la più antica comunità di Iconha (ES), esercitò il ministero sacerdotale nelle lontane città di Bagé (RS), Jaciguá (ES), Araxá (MG), Vitória (ES) e Goiânia (GO).
Padre Roque assunse fin dall'inizio la direzione della Parrocchia di Don Bosco, nel Nucleo Bandeirante. La parrocchia, creata il 16 luglio 1957 da don Fernando Gomes de Oliveira, Arcivescovo di Goiania, fu la prima parrocchia nell'allora futuro territorio dell'Arcidiocesi di Brasilia .
Il 24 dicembre successivo, Padre Roque celebrò la Messa di Natale nella nuova chiesa costruita in legno. Fondatore della scuola per i figli dei lavoratori, premuroso, solidale nel dolore e impegnato nel progresso sociale del suo gregge, divenne una persona molto amata.
Dopo 37 anni di instancabile servizio alla comunità, è deceduto il 15 giugno 1994. I suoi resti riposano nella nuova chiesa da lui costruita.
I primi sacerdoti di Brasilia, Don José Freire Falcão e Don João Braz de Aviz, hanno spesso celebrato la Santa Messa in questo stesso sito storico, il 3 maggio (Festa della Santa Croce) e il 12 settembre (data della nascita del presidente Juscelino Kubitschek).
La persistenza di queste tradizioni nello stesso luogo - magari incorniciate con edifici simili a quelli del 3 maggio 1957, contribuirà sicuramente a far sì che la preghiera del fondatore di Brasilia in questo giorno indimenticabile sia ripetuta e ascoltata: "Che Brasila si modelli secondo gli alti disegni di Dio, che la Provvidenza faccia della realtà terrena un riflesso della città divina ".

Brandi Pe.José Carlos Aleixo
 SCE  - Eq. 12 F UNB Professore Emerito di UNB

 

Notizie su Brasilia, sede dell’XI raduno Internazionale delle END

Brasília Museo (http://www.museuvirtualbrasilia.org.br/)

Cattedrale Metropolitana di Brasilia
Brasilia è la capitale della Repubblica Federativa del Brasile, localizzata nel territorio del Distretto Federale. Conosciuta anche come "Capitale della Speranza", titolo conferitole dallo scrittore francese André Malraux, è stata inaugurata il 21 aprile 1960 dall’allora presidente Juscelino Kubitschek de Oliveira, diventando la terza capitale del Brasile. A partire da questa data, con il trasferimento delle sedi dei poteri federali (Esecutivo, Legislativo e Giudiziario), cominciò il trasferimento dei principali organi dell’amministrazione federale nella nuova capitale. Secondo i dati dell’ultimo censimento realizzato dall’IBGE (2007) risulta che Brasilia ha una popolazione di 2.455.903 abitanti, e che la capitale federale ha il maggior PIL pro capite del Brasile (R$ 22.430,14), seguita da São Caetano do Sul (città più sviluppata del Brasile) con 0,934 di ISU e R$ 20.050,81 di PIL pro capite. Brasilia si trova nella Regione Centro-Ovest. "Piano Pilota", fu progettato dall'urbanista Lucio Costa, che progettò anche il Lago Paranoá, il quale accumula 600 milioni di metri cubi di acqua. Molte costruzioni della Capitale Federale furono progettate dal famoso arquitetto Oscar Niemeyer.

Vista dell'interno della cattedrale


Cliccate sulle foto per ingrandirle:

La Sede del Raduno


Ginásio Nilson Nelson
Il Ginásio Nilson Nelson è localizzato nella città di Brasilia, in una zona centrale, vicino alla Cattedrale di Brasilia.

Con capacità di 12 mila persone, è stato inaugurato il 21 aprile 1973. Ha ricevuto il nome “Ginásio Nilson Nelson” in omaggio a un giornalista.

La sua struttura e comfort è piaciuta ai membri della Comissione Organizzatrice dell’XI Raduno Internazionale delle END che lo hanno scelto come sede dell’evento nel luglio 2012 in Brasile.

Cliccate sulle foto per ingrandirle:

Copyright © 2010 - Tous droits réservés
Secrétariat international des Équipes Notre-Dame - 49 rue de la Glacière (7ème étage) 75013 Paris
comunicacao@brasilia2012.com.br